text.skipToContent text.skipToNavigation
Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,99
Progetto senza titolo (20).png
Come usare Instagram al meglio

9 Maggio 2019

Lanciato nell’ottobre del 2010, il social network per immagini ha ormai superato la soglia dei 700 milioni di utenti. Negli anni l’applicazione si è arricchita di strumenti che rendono l’esperienza social più divertente e personalizzata. Dalle Stories agli sticker, passando per le app e gli hashtag, ecco i consigli per utilizzare al meglio il social media.

Non solo filtri

Clarendon, Hudson, Lo-Fi e così via. Sono alcuni dei filtri messi a disposizione dall’applicazione fotografica per rendere al meglio luci, ombre e colori delle tue foto. Esiste anche la possibilità di ricorrere all’opzione di modifica manuale: luminosità, contrasto, saturazione, calore e molti altri elementi potranno essere regolati secondo il gusto personale dell’utente. Il segreto per avere successo su Instagram è creare uno stile personale, in modo che la mano che sta dietro ad ogni scatto sia facilmente riconoscibile dai follower.

Cellularline_Fashion_Instagram_App.jpg

Le applicazioni di Instagram

Instagram mette a disposizione dell’utente tre applicazioni pensate per rendere le foto più creative. Prova a sperimentare Layout, Boomerang e Hyperlapse. Layout offre un modo semplice per creare dei collage fotografici, fornendo di default una gamma di layout che rispettano il formato quadrato tradizionale di Instagram; Boomerang crea un video di pochi secondi mettendo in successione 10 scatti di un soggetto in movimento; Hyperlapse permette di creare dei video in time-lapse, realizzando un video che viene velocizzato grazie ad uno speciale algoritmo.
 

Cellularline_App_Instagram_Fashion.png

Mai senza hashtag

Le parole chiave che accompagnano ogni fotografia condivisa su Instagram permettono di raggiungere una più ampia sfera di pubblico, altrimenti i contenuti saranno visti esclusivamente dai propri follower. Qui il consiglio è di usare tra i cinque e i dieci hashtag pertinenti per ogni immagine: meglio evitare le parole chiave troppo generiche, optando per qualcosa di più preciso... Hai condiviso, ad esempio, la fotografia della tua torta di compleanno? L’Hashtag #torta è troppo generico. #tortadicompleanno, invece, può fare al caso tuo. Un altro consiglio è quello di inserire gli hashtag come primo commento all’immagine, anziché nella didascalia della foto.

Cellularline_Fashion_Instagram_Hashtag.jpg

Ad ognuno la sua Stories

Foto e video, che si possono condividere direttamente dalla homepage dell’app, visibili solamente per la durata di 24 ore. Le Stories che raccolgono più visualizzazioni? Quelle che riguardano stralci di vita quotidiana, soprattutto fra le celebrities. In questo caso non c’è da preoccuparsi troppo della perfezione del prodotto, qui è l’immediatezza a pagare. Quante Stories condividere online per avere successo? Non più di dieci al giorno, consigliano gli esperti di social marketing. Inoltre questa funzione può essere utilizzata anche per trasmettere video in diretta ad amici e follower, che riceveranno una notifica in tempo reale. Sarai tu a decidere, di volta in volta, se attivare i commenti mentre sei in diretta. 

Cellularline_Instagram_Fashion_Stories.jpg

Gli stickers

Personalizza le tue Stories utilizzando gli adesivi messi a disposizione da Instagram. Per aggiungerli ai tuoi contenuti, una volta scattata la foto, basta selezionare l'icona dell'etichetta nella parte superiore dello schermo. Emoji, buffi cappelli, corone da indossare sul capo, baffi e così via: sono alcuni degli elementi che renderanno più simpatica e divertente la tua immagine. Inoltre è possibile creare uno sticker con il tuo volto: apri il menu degli adesivi e tocca l’icona con la fotocamera per creare un mini-selfie da incollare qua e là sui tuoi scatti.. 

Instagram_2.png

Privacy. Ma non troppo

Instagram è un terreno fertile per i troll. Dunque, puntate alla riservatezza, mantenendo comunque il vostro profilo social. Il primo step è scegliere se rendere l’account privato o pubblico: se è privato, chiunque desideri seguirvi avrà bisogno di un’approvazione. Tuttavia, si possono tenere a bada i disturbatori grazie a semplici accortezze: scegliendo di nascondere commenti che includono "parole o frasi spesso segnalate come offensive", oltre ad aggiungere specifiche parole chiave. È anche possibile disattivare tutti i commenti nei singoli post. Infine, una nuova funzionalità consente di archiviare singoli post, per nasconderli da altri utenti di Instagram, senza eliminarli dal proprio account.
 

Cellularline_Instagram_Fashion_06.jpg